Salutiamo la capolista! Cus Padova dà lustro di tutte le sue potenzialità al Pala Annone, supera le Wildcats per 71-53 e resta imbattuta in testa alla classifica dopo cinque giornate e confermandosi migliore attacco del girone e migliore difesa.

CE L’ABBIAMO MESSA TUTTA! Ma non è bastato, perché l’andamento dei quarti dice che Padova è sempre stata avanti, a piccoli strappi nel primo quarto, molto più evidenti a partire dal 12-2 di parziale dei primi 3’31” di gioco (dal 25-20 per le nostre avversarie al 37-22). L’ultimo contatto ravvicinato è stato a 1’17” dalla prima sirena quando un gioco da tre punti (canestro in entrata, più libero aggiuntivo segnato) di Silvia Bozza ci ha permesso di arrivare ad un possesso di distanza (20-23) dopo il 13-20 di metà tempino.

LA CLASSE. Nel secondo quarto sono uscite tutte le potenzialità di Padova che dalla prima palla giocata si è dimostrata letale in ogni occasione. Il lavoro in difesa delle patavine è stato certosino, non siamo riuscite a trovare i giusti spazi nell’area e fronte a canestro per avere le giuste soluzioni senza forzarle. Formiconi segna il nostro primo canestro dopo 1’55” di gioco (22-30), però nella nostra area non riusciamo a contenere l’offensiva ospite.

CI PROVIAMO! Dal – 15 (22-37) chiudiamo il quarto con un contro break di 9-4 per il – 10 (31-41) al lungo intervallo per tenere aperte le porte di una rimonta che è nelle nostre qualità. Non si vincono  tre gare di fila per caso e allo stesso tempo non ci si gioca il primo posto con le più forti così tanto per fare. Altra piccola rimonta ad inizio ripresa. Fornasier e Formiconi segnano i canestri del – 6 (37-43) dopo 1’56” dalla ripresa delle ostilità. Ma non basta purtroppo, perché le capoliste sfrecciano via di nuovo con la fuga decisiva di 14-3 per il 57-40 al 30’. L’ultimo quarto è più equilibrato per quanto riguarda i punti segnati, ma il + 19 registrato dopo il primo canestro di Padova (59-40) è troppo per pensare ad una super rimonta contro una squadra che in pratica non ha sbagliato nulla tatticamente per tutta la partita.

FAIR PLAY. Fair play in campo, grande correttezza, “eccezionale” secondo le parole del nostro vice presidente Roberto Formiconi da parte delle nostre avversarie. Lo stesso si dica delle nostre Wildcats e lo facciamo qui noi complimentandoci con loro, salutando, appunto, la capolista.

Il nostro tabellino: Polegato, Martina Marcon 4, De Lion 12, Formiconi 9, Bozza 17, Scaringi 1, Fornasier 8, Bertinotti 2, Parpinello, Migotto, Silvia Marcon, Da Ros.

Allenatrice Lucija Drobac.

Ph & Cronaca by Thomas Maschietto