Peccato davvero! Ai Wildcats non riesce la folle rimonta dell’ultimo quarto contro Valbelluna, dopo il – 16 al 31’33” di gioco (42-58). Il finale ci vede sconfitti per 66-60, in mezzo ci sta il possibile 63-63 se la base del ferro non avesse respinto lungo, invece di adagiare dentro la retina, la tripla tentata da Garzia a 68 secondi dalla fine.

QUINTETTO BASE. Coach Loris Barbiero presenta alla palla due Corsi e Garzia come piccoli, Baseggio e Guido sugli esterni e Cassaro come pivot sotto canestro con licenza di sportellate con il pari ruolo De Toffol. La partenza è la classica fase di studio fino al 7-5 bellunese. La prima fiammata è nostra, ad accenderla è una bomba di Baseggio (8-7) che si ripeterà due azioni dopo (13-7). Albo (entrato al posto di Cassaro)da sotto ed una entrata coast to coast di Corsi ci portano al + 10 (17-7) a 3’26” dalla prima sirena. Valbelluna risponde bene in difesa e dall’arco e con un paio di bombe ritorna completamente in partita (17-19 per noi).

POLVERI BAGNATE. Prevalgono le difese nel secondo quarto, gli attacchi di entrambe le squadre faticano a far suonare la retina come si deve. Il nostro primo canestro è dopo 1’30” di gioco, ci pensa Granzotto dall’arco dei 6,75 a rompere il ghiaccio (26-20), Valbelluna risponde con un piccolo parziale di 4-0 (24-26). Cassaro rompe il secondo digiuno durato 4’ esatti di gioco con l’appoggio da sotto per i punti del 28-24 per noi a 5’30” dal lungo intervallo. Merita gli applausi un canestro dal coefficiente di difficoltà molto alto, partendo dalla linea di fondo di Gobbo per il 30-26 a 4’04” dalla seconda sirena. In attacco, come detto, smarriamo la confidenza con la retina in maniera prolungata, briciolina dopo briciolina i nostri avversari portano a referto il loro secondo vantaggio dell’incontro dopo il 7-5 al 3’27” di gioco. E’ di Guazzotti la bomba del 31-30 per i padroni di casa a 2’35” dal 20’. Andiamo negli spogliatoi sotto di tre punti (32-35) complice un secondo quarto di appena 9 punti.

CHE FATICA! Nel terzo quarto i Wildcats continuano a incontrare problemi nel buttarla dentro. E’ il momento, se vogliamo, in cui Valbelluna mette in discesa il suo match, costringendo allo sforzo rimonta i nostri ragazzi nell’ultimo quarto. Facciamo molta fatica a trovare canestri facili. Segniamo tre liberi con Cassaro (35-39) e due canestri apparentemente semplici con Garzia e ancora Cassaro (lui e Baseggio sono stati i nostri migliori realizzatori dell’incontro con 16 punti a testa). A 3’18” dal 30’ siamo sotto di 3 (39-42), poi Valbelluna prende il largo e chiude sopra di 10, 52-42 il quarto, grazie ad un parziale di 10-3.

SPROFONDIAMO MA CI RIALZIAMO. Il divario ed il parziale di padroni di casa aumentano nelle prime battute dell’ultimo quarto, dal 10-3 si passa al 15-3 dopo 1’33” del tempino (58-42) e due triple subite da De Bona per il + 16 locale. Poi ci svegliamo di colpo, torniamo a macinare gioco e punti in attacco e una bella difesa quando si tratta di stringere ancora di più le maglie. Cassaro segna sette punti di fila per il 49-61.

E’ BASEGGIO SHOWTIME. La scossa è una magia di Baseggio da tre, fuori ritmo ma devastante nella precisione (52-61). Il numero 23 Wildacats concede il bis da più vicino con un semi gancio (54-61) e poi di nuovo dall’arco (57-63) a 2’40” dalla fine. Un libero di Gobbo ed un’entrata di Garzia ci portano sul 63-60. Poi il finale già raccontato con un canestro di De Bona (65-60) a suggellare il successo valbellunese.

Il nostro tabellino: Garzia 11, Corsi 4, Cassaro 16, Granzotto 3, Fregonese, Albo 4, Gobbo 4, Zoia 2, Baseggio 16, Guido. Allenatore: Loris Barbiero

Ph & Cronaca by Thomas Maschietto