DI CORSI…VERSO LA PRIMA VITTORIA. WILDCATS ESPUGNANO CASTELFRANCO A DUE SECONDI DALLA FINE !!!

4 Novembre 2021

[vc_section][vc_row][vc_column][vc_column_text]La prima vittoria è sempre speciale. Lo è perché si rompe il ghiaccio dopo due giri a vuoto e lo è stato per il modo in cui è arrivata nel finale. Il 61-59 sul campo del Castelfranco per i nostri Wildcats della serie D maschile è arrivato non proprio a fil di sirena, a due secondi e 3 centesimi dalla fine, grazie ad una giocata in entrata di Alberto Corsi che di fatto si è portato a casa il pallone della partita oltre che agli abbracci meritati dei suoi compagni di squadra.

ULTIMO MINUTO DI… CORSI. Sembra il titolo di un film, in realtà lo è, girato da Pupi Avati e che aveva come tema il calcio. Qui stiamo parlando di basket, ma l’ultimo minuto di Castelfranco è stato, con il senno di poi, da sconsigliare vivamente ai deboli di cuore, come del resto gli ultimi 2’02” per i nostri colori. Siamo sul 59-59 palla in mano ai nostri avversari. Castelfranco sbaglia da tre, il rimbalzo è nelle mani di Zulian che apre per il play Garzia. Corsi tenta una delle sue giocate in avvicinamento a canestro, il suo tiro morbido è viziato da un fallo. In lunetta non siamo fortunati, ci vorrebbe un cuore d’acciaio in quei momenti: è 0/2 con palla di nuovo a Castelfranco a 38” dalla fine.  Dall’altra parte i padroni di casa possono tornare di nuovo sopra, ma Corsi si fa perdonare raddoppiando bene in una penetrazione di De Zuani che scivola e perde palla. E’ rimessa per noi a 16” dalla fine, Corsi si incarica di impostare il gioco in attacco e provare la giocata decisiva che arriva con una entrata impossibile partendo da sinistra sulla trequarti campo per andare ad intrufolarsi sul pettine di destra in mezzo alle maglie bianche. E’vittoria.

LA DOPPIA RIMONTA. L’incontro diventa complicato a metà terzo quarto quando Castelfranco allunga sul + 10, 41-31 a 5’10” dalla terza sirena e subiamo una brutta stoppata in attacco. Una magia a canestro di Garzia chiude il break dei castellani per il – 9 (33-41) e si apre il nostro. Zulian su azione e il 5/6 dalla lunetta di Corsi e Baseggio ci riportano in partita (40-41) al 27’19” di gioco. In avvio di ultimo quarto siamo ancora sotto di cinque in un paio di occasioni (54-49, 57-52).

LA TRIPLA CHE VALE UNA VITTORIA. Sotto di tre (56-59) la nostra difesa fa gli straordinari e costringe alle forzature in attacco grazie prima a Baseggio, poi a Zulian che mettono al sicuro il proprio canestro con le loro braccia belle alte a 1’41” dalla fine. In venti secondi si sviluppa la nostra più bella azione. Garzia porta su palla per consegnarla a Zulian, palla schiacciata per terra dentro l’area a Baseggio finta di tiro e assist preciso preciso per Garzia che dall’angolo mette dentro la tripla del pari (59-59). Poi il finale già raccontato.

Ph & Cronaca by Thomas Maschietto

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][/vc_section]