Tredicesimo aggiornamento su Marco

Direttivo Forza Marco Leave a Comment

13mo AGGIORNAMENTO SU MARCO

Dopo un periodo di ricondizionamento fisico per riabituarsi, tra l’altro, a rimanere seduto, Marco ha iniziato la fase di riabilitazione.

Lui è perfettamente cosciente e collabora, dando anche minimi, ma positivi segnali di riscontro (qualche parola e qualche movimento degli arti)

Tradotto significa che è terminato il riscaldamento e le Final Four sono iniziate, la prima partita è stata vinta, anche con un canestro da centrocampo, però si gioca al meglio delle 5 gare e pertanto gli incontri da vincere sono ancora tanti.

Era comunque importante iniziare bene.

Lui da parte sua ce la sta mettendo proprio tutta, lasciando sorpreso pure qualche commentatore di lungo corso.

Dobbiamo anche dire che tutto il palasport è dalla sua parte e questo non può che dargli forza e spingerlo a lottare per affrontare, e superare, i propri limiti.

Marco e la sua famiglia vogliono cogliere l’occasione per ringraziare tutte le società sportive che gli stanno facendo pervenire maglie e oggetti firmati dai giocatori, in particolare l’ UMANA REYER VENEZIA e la DE LONGHI TREVISO BASKET, entrambe squadre di cui per vari motivi Marco è tifoso – e da qui si capisce la particolarità del ragazzo – ma anche Trento e tutte le altre che gli stanno facendo sentire la propria vicinanza, così come tutti voi che gli state trasmettendo l’affetto che lo aiuta ad affrontare questa impegnativa fase.

Marco infatti ormai legge i messaggi e ha condiviso anche la pubblicazione di queste righe che, per la prima volta da quel maledetto 11 marzo, ha visto nascere in anteprima.

C’è da dire, e questo può, e deve, servire d’aiuto a tutti, che se Marco ha superato nel modo in cui lo ha fatto la precedente fase, lo deve, oltre alla grande capacità dei medici che lo hanno assistito, a detta degli stessi, anche al fatto che sia un ragazzo sano, che non ha mai bevuto e fumato e tantomeno assunto sostanze che eccedano quelle di una sana dieta, con in più un fisico rafforzato da molti anni di pratica sportiva, nonché, e di questo ne è convinta la famiglia, che di cuore ringrazia, alle invocazioni e preghiere che in moltissimi avete rivolto a Chi ci guarda dall’alto.

 

Diversamente le qualificazioni non sarebbero state superate e all’inizio, lo ribadiamo, le possibilità di questo risultato erano veramente minime.

Adesso, comunque, siamo alle Final Four e ci sarà da lottare fino all’ultima goccia di sudore.

E questo, tutti i veri atleti, sempre lo fanno, sostenuti dalla loro preparazione e dal supporto dei tifosi che, siamo certi, sempre ci sarà, indipendentemente dal piazzamento finale.

 

Direttivo